PREZZO NEGATIVO – Cosa fare?

Di recente ho ricevuto un’e-mail da un lettore preoccupato per il rapporto PE negativo. La domanda assomigliava a questa:

“Quando il P/E è negativo cosa fare?

Supponiamo che lo stock A sia:
P/E = -17.65
P/B = 0.35

Supponiamo che lo stock B sia:
P/E = 9.25
P/B = 4.25

In questo caso cosa dovrei fare? Dovrei comprare più azioni, vendere queste azioni, o tenere queste azioni?”

Prima di tutto, questa è una grande domanda perché la tua testa è nel posto giusto. Stai iniziando a capire l’importanza delle valutazioni, e stai usando valutazioni multiple per confrontare le azioni con l’analisi. Questo è un ottimo trampolino di lancio per una solida analisi fondamentale.

Prima di rispondere alla tua domanda, devo avvertirti che non posso darti consigli personali sulle tue decisioni d’investimento. È contro la legge. Quindi, se si tratta di azioni reali che potreste possedere, non posso dirvi cosa fare e dovrete usare il vostro giudizio. Tuttavia, posso dirvi cosa farei io in quel tipo di situazione e spero che attraverso questo processo potrete ricavare alcune informazioni utili.

Ora, quando si tratta di acquistare azioni mi tengo fermo con 3 regole infrangibili, come si trova in 7 passi per capire il mercato azionario. Queste 3 regole sono le seguenti:

1. Mai comprare un’azione con guadagni negativi
2. Mai comprare un’azione con patrimonio netto negativo
3. Non comprare un’azione che non paga un dividendo

Subito si dovrebbe notare che i guadagni negativi sono un grande segnale di avvertimento nelle singole azioni. (Mi riferisco ai guadagni annuali negativi). Se un’azienda non può svolgere la sua funzione principale, che è quella di creare profitti, allora questo è un problema e l’azienda non dovrebbe essere toccata.

Sono sicuro che hai sentito storie di aziende che si sono riprese da tempi difficili e sono salite a nuove vette dopo aver precedentemente perso denaro. Ma per ogni storia di recupero che sentite, ci sono altre 10 aziende che non si sono riprese e hanno continuato a colpire gli azionisti.

Fidatevi, potete trovare molte aziende di successo che continuano a creare profitti, e quindi guadagni annuali positivi, anno dopo anno dopo anno. Questi sono quelli che spesso fanno i migliori investimenti in effetti.

Il modo in cui un’azione guadagna un PE ratio negativo è abbastanza semplice. Un rapporto PE positivo riflette guadagni annuali positivi, mentre un rapporto PE negativo deriva da guadagni annuali negativi.

Come tale, l’esempio dello stock A mostrato sopra con un P/E negativo di 17 in realtà segnala più una trappola di valore che un gioco di valore, anche se il rapporto P/B è estremamente attraente a 0,35.

Non prendetemi in parola. Date un’occhiata alle mie ricerche. Ho esaminato a fondo i principali fallimenti degli ultimi 2 decenni per imparare quali sono le caratteristiche di un’azienda che sta per fallire. Il fallimento è l’ultima trappola di valore, e come stock picker individuale può essere il più grande detrimento per una strategia altrimenti di successo.

Rapporto PE negativo = Negativo

Dopo aver esaminato 30 dei più grandi fallimenti, ho scoperto che la caratteristica più comune e misurabile erano gli utili negativi. Tutto sommato, una società con guadagni negativi è una bomba a orologeria. O si riprenderà violentemente, o violentemente no.

Un investitore prudente come te non dovrebbe sottoporsi a questo tipo di dramma. Lascia il dramma per cose che non riguardano i tuoi risparmi duramente guadagnati.

Un rapporto PE negativo dovrebbe essere evitato a tutti i costi.

Per quanto riguarda lo stock B, lo tratterei come qualsiasi altro stock. Mentre il P/E è basso, il P/B corrispondente è alto. Ora, se possedessi uno stock come B, probabilmente lo terrei. Ma quando si tratta di comprare di più, dovrei soppesare le mie opzioni rispetto ad altre opportunità sul mercato.

In altre parole, se posso trovare un’idea di azione migliore ad una valutazione inferiore, allora preferirei mettere nuovi soldi lì invece che nello stock B. Una rapida occhiata al mio portafoglio modello a The Sather Research eLetter rivela che ci sono molte offerte migliori là fuori.

Lascia un commento