Marsha P. Johnson State Park chiude fino a giugno

Ora più che mai, lo spazio all’aperto è un premio a New York City. E uno dei migliori parchi pubblici di North Brooklyn ha appena chiuso per sei mesi.

Originariamente chiamato East River State Park, e ribattezzato l’anno scorso in onore dell’eroe dei diritti civili LGBTQ, Marsha P. Johnson State Park è un parco di sette acri sul lungofiume di East River. È spesso pieno di gente dall’alba al tramonto, e ospita anche una pista per cani molto popolare e un parco giochi. Lo spazio pubblico è stato una grande risorsa per la comunità durante le varie fasi della quarantena, e ora, un progetto di lavori pubblici è destinato a portare via questa amenità.

“Stiamo davvero ricevendo un giorno di preavviso in COVID – mentre la città sta probabilmente affrontando più chiusure – che il nostro parco sta per essere chiuso per sei mesi”, ha detto il membro del Community Board 1 Ryan Kuonen alla riunione virtuale di martedì, come riportato dal Brooklyn Paper. “In un anno normale sarebbe una follia, durante il COVID è criminale e inconcepibile”.

Il budget proposto per il progetto è di 14 milioni di dollari, che serviranno a pagare diversi miglioramenti estetici pianificati prima che la pandemia colpisse New York. Entro l’estate del 2021, lo Stato di New York ha pianificato di aggiungere bagni pubblici, una piccola aula, una stazione di ranger del parco, magazzini e altro. Per aiutare ad onorare l’omonimo del parco e la comunità LGBTQ di New York, sono previste più opere d’arte arcobaleno e celebrative, così come miglioramenti alle infrastrutture per sostenere la longevità del parco e aiutare ad ospitare eventi come Smorgasburg. A partire dalla scorsa estate, Smorgasburg si è trasferito in un lotto vuoto a Williamsburg per vendere una selezione limitata di cibo pre-ordinato in un modo socialmente distante. E con il ritmo dei vaccini a New York, non è chiaro se Smorgasburg o altri grandi eventi potranno tornare in città per l’estate 2021.

Un rendering per il Marsha P. Johnson State Park, dopo il completamento dei lavori nell’estate 2021 Credito: New York State Parks

Perciò perché chiudere il parco ora? O perché non andare avanti con questo progetto a tappe, e permettere ai contribuenti un uso ragionevole del nostro spazio pubblico?

“Mentre stiamo entrando in un bilancio di austerità, essenzialmente stanno spingendo questo per farlo in fretta in modo che i soldi possano essere spesi per questo e non, non so, forse per gli alloggi, il cibo – cose reali”, ha detto Kuonen allo stesso incontro del CB1. “E’ solo la prova che stanno cercando di far passare questo perché hanno bisogno di farlo in modo che il governatore Cuomo possa avere un grande evento e darsi una pacca sulla spalla.”

Per combattere contro la chiusura del parco, gli abitanti di Brooklyn Nord hanno deciso di organizzare una protesta. A partire dalle 4 del pomeriggio di venerdì 15 gennaio (un’ora prima del tramonto) i vicini hanno intenzione di riunirsi davanti ai cancelli del parco, che saranno chiusi, per esprimere la loro disapprovazione per il progetto, soprattutto in questo momento.

Lascia un commento