jmarbach.com

“Cultura” è una delle parole più vaghe e confuse della lingua inglese. Per esempio, la cultura cinese è il cibo cinese o i film cinesi? La parola “China” è confusa di per sé.

Quello che gli studiosi sanno è che il vocabolario della cultura sta aumentando. Da un termine che si limitava a cultura alta contro cultura popolare e cultura di massa contro cultura popolare, ora esiste un termine che si aggiunge a una serie di termini che descrivono sottoculture e controculture, come la cultura sportiva e la cultura gay. Ci sono ora interi dipartimenti universitari progettati per promuovere il multiculturalismo e la diversità di tutti i tipi. La “cultura”, qualunque cosa significhi, è in aumento.

Le menzioni della parola “cultura” tramite Google Books Ngram Viewer:

Stiamo vivendo uno shock culturale? Probabilmente, ma non è una novità. I primi esploratori portoghesi e spagnoli che navigarono intorno al mondo furono probabilmente sorpresi di incontrare indigeni con credenze e comportamenti molto diversi.

Quello che sta cambiando rapidamente, tuttavia, sono i metodi con cui si produce la cultura di massa e si consuma la cultura popolare. Questa è la differenza. La cultura di massa è qualcosa che viene prodotto e la cultura popolare che viene consumata.

Governi, multinazionali e singole persone hanno la capacità di influenzare le persone più rapidamente che mai con la tecnologia web come i blog, YouTube e Twitter. E ogni singolo cittadino ora ha più influenza nella scelta della cultura popolare sotto forma di voti via sms per American Idol, like di Instagram e upvotes di Reddit.

Sono interessato a seguire come si evolve la cultura popolare. È improbabile che la cultura di massa cambi molto al di là dei suoi mezzi primari, perché è radicata nel mantenimento dell’ignoranza, dell’oppressione e della passività. Mentre la seconda, la “cultura”, significa la possibilità di crescere, svilupparsi e cambiare il presente.

Gli Stati Uniti in particolare hanno una varietà di istituzioni che sono forti produttori di cultura popolare, come Disney, Universal Studios e Warner Music Group. Ma queste istituzioni stanno affrontando tempi difficili. I marcatori sostanziali del cambiamento includono l’accordo sui servizi musicali di YouTube e anche quello che Y Combinator chiama “Hollywood 2.0”:

Nel 2014, i film hanno avuto la loro peggiore estate dal 1997. Proprio come è improbabile che le future celebrità abbiano iniziato con le agenzie di talento, i futuri consumatori di contenuti guarderanno i contenuti online invece che al cinema, e probabilmente in modi molto diversi.

Le celebrità ora hanno rapporti diretti con i loro fan. Possono anche distribuire contenuti in nuovi modi.

Ci sono quasi certamente nuovi enormi business che verranno costruiti come parte di questo cambiamento.

Sono d’accordo. I business dell’intrattenimento e della cultura popolare non stanno andando via, ma si stanno già spostando in chi ha il controllo. La mia speranza è che questo cambiamento darà più potere ai produttori di grandi contenuti e ai fan che li adorano.

Tags: culture

Lascia un commento