Concetto di conclusione

La conclusione è la fine di una questione, per mezzo della quale viene delimitata e specificata. Spesso si arriva a una conclusione dopo aver discusso un argomento, dove dopo la discussione si chiarisce il problema, e si chiude in una conclusione come sintesi, che in generale sono brevi e precise, mostrando i punti fondamentali su cui si è raggiunto l’accordo.

Nel lavoro di ricerca è comune dopo aver stabilito un’ipotesi che ho cercato di dimostrare, finire il lavoro con una conclusione personale sui risultati ottenuti, facendo riferimento sinteticamente ai passi seguiti per raggiungerla, che sono inclusi nel quadro teorico. Chi legge la conclusione deve potersi fare un’immagine mentale dello studio realizzato e dei risultati ottenuti, ma non si tratta di un riassunto, dove si estraggono testualmente parti di ciò che è già stato citato nel testo, bensì di un collegamento logico dei dati presentati, che dimostra che il risultato ottenuto è estratto da ciò che è stato presentato.

In logica, la conclusione di un ragionamento è la proposizione finale ottenuta dalle premesse, che afferma qualcosa di nuovo, partendo dai dati già noti nelle proposizioni precedenti.

In letteratura la conclusione coincide con l’epilogo della trama della storia, dopo l’inizio o l’introduzione e il nocciolo del problema.

Il termine conclusione si usa anche semplicemente come fine, come termine di qualcosa di finito, per esempio quando si dice “la sua vita è finita” o “il lavoro è finito”, o “il matrimonio è finito in divorzio”.

La conclusione è la fine della trama della storia, dopo l’inizio o l’introduzione e il nocciolo del problema.

Lascia un commento