Come posso liberarmi dei pensieri lussuriosi?

Domanda: “Come posso liberarmi dei pensieri lussuriosi?”
Risposta: La lussuria è qualsiasi desiderio forte; la lussuria peccaminosa è il desiderio di qualcosa che Dio ha proibito. I pensieri lussuriosi producono azioni lussuriose, e la lussuria agita porta sempre alla devastazione. Eva desiderava il delizioso frutto dell’unico albero di cui Dio aveva detto: “Non devi mangiarne” (Genesi 2:16-17). Il suo atto di mangiare e di darne un po’ a suo marito aprì la porta al peccato per entrare nel mondo perfetto di Dio. Davide desiderava Betsabea, la moglie di un altro uomo, e, quando agì in base a quella lussuria, portò all’omicidio e alla morte di suo figlio neonato come parte del giudizio di Dio (2 Samuele 11:2-4, 14-15; 12:13-14). Le azioni malvagie iniziano con pensieri lussuriosi, quindi è importante che ci liberiamo di tali pensieri non appena arrivano.
Per liberarci dei pensieri lussuriosi, dobbiamo prima definire le nostre aree di maggiore tentazione. La lussuria non è sempre di natura sessuale. L’avidità è brama di denaro o di potere. L’invidia è la lussuria per la popolarità o la posizione di qualcun altro. La bramosia è la brama di qualcosa che non abbiamo. La lussuria inizia con un pensiero. Anche se non siamo responsabili di ogni pensiero che entra nella nostra testa, siamo responsabili di quello che facciamo con quei pensieri.
Secondo Samuele 13 racconta la tragica storia di pensieri lussuriosi che si trasformano in azioni malvagie. Il figlio del re Davide, Amnon, divenne ossessionato dalla sua sorellastra Tamar. Poiché non si liberò dei suoi pensieri lussuriosi, questi lo consumarono fino a quando commise l’orribile atto di violentarla. Dopo che la sua lussuria fu saziata, non gli importava più di quello che succedeva a Tamar, e la scartò come un pezzo di spazzatura (versetto 15). La lussuria si preoccupa solo di soddisfare i suoi impulsi; non si preoccupa delle persone che saranno ferite da essa. Un pensiero lussurioso deve essere visto come il nemico che è prima che si impadronisca della nostra vita.
Quando ci aggrappiamo a un pensiero che sappiamo essere sgradevole a Dio, può diventare rapidamente lussuria peccaminosa. Il desiderio cresce fino a creare insoddisfazione per la nostra situazione attuale. La lussuria ci impone la convinzione che la felicità e l’appagamento sono impossibili se non abbiamo ciò che vogliamo. Giacomo 1:13-15 descrive la progressione dal pensiero lussurioso all’azione lussuriosa: “Quando si è tentati, nessuno deve dire: ‘Dio mi tenta’. Perché Dio non può essere tentato dal male, né tenta nessuno; ma ognuno è tentato quando è trascinato dal proprio cattivo desiderio e attirato. Poi, dopo che il desiderio ha concepito, partorisce il peccato; e il peccato, quando è maturo, partorisce la morte.”
Possiamo liberarci dei pensieri lussuriosi sostituendoli con pensieri che sono “veri, e onorevoli, e giusti, e puri, e belli, e ammirevoli. Pensate a cose eccellenti e degne di lode” (Filippesi 4:8). Dobbiamo “rendere prigioniero ogni pensiero all’ubbidienza di Cristo” (2 Corinzi 10:5). Dobbiamo pentirci di intrattenere pensieri lussuriosi e chiedere l’aiuto del Signore per reindirizzare i nostri pensieri.
Se i pensieri lussuriosi di cui stiamo cercando di liberarci coinvolgono un’altra persona, possiamo disinnescare il loro potere trasformando quei pensieri in preghiere per il benessere dell’altra persona. Portando quella persona davanti al Signore, indeboliamo il potere della lussuria di oggettivarla. Dobbiamo riconoscere il valore di ogni persona come creazione di Dio e ricordare che Dio ha piani più alti per lui o lei che non includono noi. Quando portiamo la nostra volontà in accordo con la volontà di Dio, impariamo a vedere questa persona come la vede Lui, non come la lussuria.
Fermare i pensieri lussuriosi richiede anche di filtrare le informazioni che lasciamo entrare nella nostra mente attraverso i nostri sensi. I nostri pensieri sono di solito il prodotto di ciò che abbiamo visto, sentito, toccato e assaggiato. Controllando ciò che lasciamo entrare, possiamo ridurre notevolmente il materiale disponibile nella nostra mente che la lussuria può sfruttare. Se le immagini pornografiche sono state impresse nella nostra mente attraverso una visione peccaminosa, possiamo chiedere al Signore di sostituire quelle immagini nel tempo. Rifiutando di guardare le cose che incitano alla lussuria, filtrando la musica o il linguaggio che crea pensieri lussuriosi, e bandendo i ricordi lussuriosi dal nostro repertorio, possiamo affamare i pensieri lussuriosi finché non hanno poco con cui lavorare.
Memorizzare e meditare le Scritture è anche un buon modo per evitare pensieri lussuriosi e rinnovare la nostra mente come Romani 12:1-2 ci insegna a fare. Anche tenere la musica di adorazione nelle nostre orecchie focalizza la nostra mente su ciò che è buono, puro e bello. La vita di un cristiano deve essere un continuo abbandono. Quando ci arrendiamo quotidianamente alla signoria di Cristo, Egli aiuta a trasformare una vita di pensiero peccaminosa in una che persegue Lui. I pensieri lussuriosi invadono tutti noi di tanto in tanto, ma prendere autorità su di essi, respingerli prima che mettano radici, e cercare l’aiuto di Dio può darci la vittoria.

Lascia un commento