Come costruire splendidi grafici del tachimetro e perché non dovresti usarli

L’argomento pro e contro l’uso dei grafici del tachimetro

Primo punto: non importa cosa leggi online, sia su questo sito che su un altro, voi conoscete il vostro utente finale meglio di chiunque altro e, quindi, dovreste fare la vostra chiamata di giudizio sull’uso o meno delle tabelle del tachimetro.

Una delle prime regole della creazione di cruscotti è quella di capire il tuo pubblico. Se pensi che capiranno meglio il messaggio che stai cercando di comunicare con un grafico a tachimetro, allora nessuno dovrebbe essere in grado di convincerti del contrario, fallo e basta.

Usa un grafico a tachimetro, amico!

Ora, detto questo, ci sono molti siti online che scoraggiano l’uso dei grafici del tachimetro nei vostri cruscotti, e molte delle loro ragioni sono valide. Ma io credo che ci siano dei vantaggi nell’usare questo tipo di grafici.

Gli indicatori, nel mondo reale, sono stati usati per molto tempo per comunicare informazioni critiche. Si trovano nelle auto, negli aerei, nei macchinari pesanti e persino in alcune macchine per il caffè espresso. Di conseguenza, gli indicatori sono diventati intuitivi. Sappiamo immediatamente come leggerne uno quando lo vediamo.

Puoi usare questo a tuo vantaggio quando crei i cruscotti. Dopo tutto, lo scopo di creare un cruscotto è quello di comunicare informazioni critiche in un modo che sia facile per l’utente capire e agire.

Tieni solo a mente che:

  • Usa i grafici del tachimetro solo quando è appropriato.
  • Sono terribili nel comunicare tendenze o dati storici
  • Possono potenzialmente occupare molto spazio sul tuo cruscotto

Detto questo, vediamo come crearne uno da zero.

Come creare un grafico del tachimetro

Ecco il prodotto finito:

Utilizzeremo due grafici a ciambella e un grafico a torta per costruire il grafico del tachimetro. Questi saranno composti da tre tabelle di dati, come visto sotto:

Passo 1: Creare il primo dei due grafici a ciambella

Prima di tutto, vai sulla barra multifunzione di Excel, clicca su Inserisci, vai nella sezione dei grafici e, sotto il menù a tendina visto nello screenshot qui sotto clicca sul grafico a ciambella.

Clicca con il tasto destro e scegli “Seleziona dati…”

Quando si apre la finestra di dialogo, clicca su “Modifica”. Qui selezionerai i dati nella prima delle tre tabelle:

Una volta fatto questo, otterrai il seguente grafico a ciambella.

Ma noterai che non è un semicerchio (duh!) ed è rivolto nel modo sbagliato. Lo sistemiamo subito:

Clicca con il tasto destro del mouse sul grafico e seleziona “Formato serie dati…”

Sotto “Angolo della prima fetta” inserisci 270 e premi “Invio” sulla tua tastiera

Questo ruota il grafico nel modo giusto:

In seguito, nasconderemo la serie di dati nella metà inferiore rimuovendo il suo colore, aggiungendo le etichette dei dati e formattando il grafico in modo appropriato.

Clicca con il tasto destro del mouse sulla metà inferiore del grafico e seleziona “Formato serie di dati…” e nel menu seleziona “Nessun riempimento”.

In seguito, cambia i colori delle altre serie di dati se lo ritieni necessario. Una volta finito, dovresti avere qualcosa che assomiglia a questo:

Prossimo, aggiungi le etichette dei dati:

Clicca con il tasto destro sul grafico e seleziona “Formato etichette dati…”

Seleziona “Valori da cella” e seleziona le etichette nella prima tabella

Abbiamo finalmente finito il primo grafico… ora il secondo grafico a ciambella!

Passo 2: Crea il secondo grafico a ciambella

Clicca con il tasto destro del mouse sul grafico e scegli “Seleziona dati”

Clicca su “Aggiungi”

Seleziona le serie di dati appropriate e seleziona ok

Una volta fatto questo, ripeterai gli stessi passi del primo grafico che abbiamo creato. Girate il grafico di 270 gradi, formattatelo con i colori che ritenete più appropriati e cambiate le etichette. Una volta fatto, il vostro grafico dovrebbe assomigliare a quello qui sotto.

Una cosa da notare: nel mio screenshot sembra che le etichette in alto mostrino tutte il numero 10. Questo è sbagliato, dovete cambiare le etichette in alto. Questo è sbagliato, devi cambiare le etichette per visualizzare i dati nella tabella:

Step 3: Creare il tachimetro

Siamo in dirittura d’arrivo, solo un’altra cosa che deve essere fatta e cioè costruire il puntatore e collegarlo a un punto dati in modo che si muova dinamicamente insieme ai dati della tabella.

Clicca di nuovo con il tasto destro del mouse sul grafico e scegli “Seleziona dati…” e seleziona “Aggiungi” proprio come prima

Seleziona i dati nell’ultima tabella

Una volta cliccato su OK il tuo grafico sarà come questo:

Questo non sembra affatto un puntatore, lo sistemeremo comunque.

Excel ha di default un grafico a ciambella, quindi dobbiamo cambiarlo in un grafico a torta.

Clicca con il tasto destro del mouse sul grafico e seleziona “Cambia tipo di grafico…”

Ora cambia il dropdown del terzo grafico in “Torta” e spunta l’opzione dell’asse secondario:

Una volta fatto, ruota il grafico come prima di 270 gradi. Il grafico apparirà così:

Il grafico ha tre sezioni: L’area grigia, l’area blu e la striscia arancione a ore 11 nello screenshot qui sotto:

Dovrai rimuovere il colore dalle sezioni 1 e 2 del grafico a torta (come abbiamo fatto prima quando abbiamo selezionato l’area del grafico e cambiato il colore in “No Fill”). Una volta fatto, il tuo grafico avrà questo aspetto:

Tutto fatto!

…o no?

C’è un’altra cosa che mi piace fare quando creo i grafici del tachimetro;. Aggiungo una casella di testo che si aggiorna automaticamente con il valore numerico rappresentato dal tachimetro. Questa piccola aggiunta rende il grafico molto più intuitivo e facile da leggere.

Passo bonus: Aggiungi una casella di testo dinamica

Vai alla scheda Inserisci nella barra multifunzione e seleziona “Casella di testo”

Nella barra della formula, inserisci un simbolo “=” e fai riferimento alla cella con i dati del puntatore (nel mio foglio, è la cella H2).

Poi, formatta la casella di testo come ritieni opportuno. Quando i dati nelle tabelle vengono aggiornati, anche il valore della casella di testo lo farà.

Spero che questo post abbia aggiunto valore al vostro quotidiano Excel-ing! Avete un modo migliore per creare questo tipo di grafici? Non sei d’accordo con qualcosa che ho menzionato qui? Fatemelo sapere su LinkedIn.

Lascia un commento