Camillo Benso, Conte di Cavour fatti per bambini

Fatti veloci per bambini

Camillo Benso, Conte di Cavour

SOMHA, OSML, COS

Ritratto di Cavour di Francesco Hayez

Primo ministro d’Italia

In carica
23 marzo 1861 – 6 giugno 1861

Monarca

Victor Emmanuel II

Preceduto da

Nessuno

Succeduto da

Bettino Ricasoli

9° Primo Ministro della Sardegna

In carica
21 gennaio 1860 – 23 marzo 1861

Monarca

Vittorio Emanuele II

Preceduto da

Alfonso Ferrero La Marmora

Succeduto da

Nessuno

Presidente del Piemonte

In carica
4 novembre 1852 – 19 luglio 1859

Monarca

Vittorio Emanuele II

Preceduto da

Massimo D’Azeglio

Successo da

Alfonso Ferrero La Marmora

Ministro delle Finanze

In carica
19 aprile 1851 – 11 maggio 1852

Monarca

Victor Emmanuel II

Primo Ministro

Massimo D’Azeglio

Preceduto da

Giovanni Nigra

Succeduto da

Luigi Cibrario

Ministro dell’Agricoltura e del Commercio

In carica
11 ottobre 1850 – 11 maggio 1852

Monarca

Victor Emmanuel II

Primo Ministro

Massimo D’Azeglio

Preceduto da

Pietro De Rossi di Santarosa

Succeduto da

Giuseppe Natoli (1861)

Membro della Camera dei Deputati della Sardegna

In carica
30 giugno 1848 – 17 marzo 1861

Costituzione

Torino

Dettagli personali

Nato
Camillo Paolo Filippo Giulio Benso

10 agosto 1810
Torino, Impero francese

Morto

6 giugno 1861 (a 50 anni)
Torino, Regno d’Italia

Nazionalità

Italiano

Partito politico

Destra storica

Firma

Camillo Paolo Filippo Giulio Benso, Conte di Cavour, Isolabella e Leri (10 agosto 1810 – 6 giugno 1861), meglio noto come Cavour (Italian: ), è stato un politico e statista italiano. Fu un personaggio importante nel movimento verso l’unificazione italiana.

Cavour nacque a Torino durante il dominio napoleonico. Fino al 1831, fu un ufficiale militare. In seguito, decise di viaggiare in Europa per conoscere meglio gli effetti della rivoluzione industriale. I viaggi lo aiutarono a conoscere e capire i principi del sistema liberale britannico.

Dopo quattro anni, tornò in Piemonte. Si occupò dell’agricoltura e dell’economia in generale. Lavorò per la diffusione delle scuole. Durante questo periodo, le sue attività commerciali e bancarie lo resero uno degli uomini più ricchi del Piemonte.

Dal 1832 al 1848, Cavour fu sindaco di Grinzane (oggi chiamato Grinzane Cavour in suo onore). Nel 1847, fondò il giornale Il Risorgimento. Secondo lui, il processo di sviluppo economico e sociale, che aveva promosso per anni, poteva essere attuato solo dopo una profonda ristrutturazione delle istituzioni politiche.

Nel 1850, Cavour divenne famoso perché sostenne la “Legge Siccardi” che diminuì i privilegi del clero cattolico. Nello stesso anno, il primo ministro del Regno di Sardegna, Massimo D’Azeglio, lo scelse come ministro dell’Agricoltura, del Commercio e della Marina. Più tardi divenne anche Ministro delle Finanze. Dopo le dimissioni di D’Azeglio il 4 novembre 1852, Cavour divenne primo ministro del Regno di Sardegna.

Il programma politico di Cavour voleva far diventare il Regno di Sardegna uno Stato costituzionale basato sul liberalismo moderato e progressista e così si dedicò ad un radicale rinnovamento dell’economia. Modernizzò e sostenne l’agricoltura, rafforzò il sistema industriale e promosse il commercio con le grandi potenze europee. Tuttavia, il suo programma liberale fu criticato sia dalla “Sinistra storica”, che si occupava dei cittadini più poveri, sia dalla “Destra storica”, che lo considerava un distruttore delle tradizioni conservatrici.

Nel 1858, firmò un trattato di alleanza tra il Regno di Sardegna e l’Impero francese contro l’Impero austriaco. L’anno successivo, nella seconda guerra d’indipendenza italiana, i piemontesi e i francesi sconfissero gli austriaci, che allora controllavano l’Italia.

Dopo l’armistizio di Villafranca e la spedizione di Giuseppe Garibaldi nel Sud (1860-1861), l’unificazione dell’Italia fu completata. Cavour divenne il primo presidente dell’Italia unita. Fu anche il primo ministro degli affari esteri. Era il leader del gruppo parlamentare liberale. Morì per una malattia a Torino.

  • Beales, Derek & Eugenio Biagini. Il Risorgimento e l’Unità d’Italia. Seconda edizione. Londra: Longman, 2002.
  • Di Scala, Spencer. Italia: Dalla Rivoluzione alla Repubblica, dal 1700 ad oggi. Boulder, CO: Westview Press, 2004.
  • Hearder, H. Cavour. Bari: Laterza, 2000.
  • Holt, Edgar. The Making of Italy: 1815-1870. New York: Murray Printing Company, 1971. Library of Congress Catalog Number: 76-135573
  • Kertzer, David. Prigioniero del Vaticano. Boston: Houghton Mifflin Company, 2004.
  • Mack Smith, Denis. Cavour. New York: Alfred A. Knopf, 1985.
  • Mack Smith, Denis. Italy: A Modern History. Ann Arbor: The University of Michigan Press, 1959. Library of Congress Catalog Number: 5962503
  • Norwich, John Julius. Il Mare di Mezzo: A History of the Mediterranean. New York: Doubleday, 2006.

Nota

  • Cavour
  • Ricasoli
  • Rattazzi
  • Farini
  • Minghetti
  • La Marmora
  • Ricasoli
  • Rattazzi
  • Menabrea
  • Lanza
  • Minghetti
  • Depretis
  • Cairoli
  • Depretis
  • Cairoli
  • Depretis
  • Crispi
  • Starabba
  • Giolitti
  • Crispi
  • Starabba
  • Pelloux
  • Saracco
  • Zanardelli
  • Giolitti
  • Tittoni
  • Fortis
  • Sonnino
  • Giolitti
  • Sonnino
  • Luzzatti
  • Giolitti
  • Salandra
  • Boselli
  • Orlando
  • Nitti
  • Giolitti
  • Bonomi
  • Facta
  • Mussolini
  • Badoglio
  • Bonomi
  • Parri
  • De Gasperi

  • De Gasperi
  • Pella
  • Fanfani
  • Scelba
  • Segni
  • Zoli
  • Fanfani
  • Segni
  • Tambroni
  • Fanfani
  • Leone
  • Moro
  • Leone
  • Rumor
  • Colombo
  • Andreotti
  • Rumor
  • Moro
  • Andreotti
  • Cossiga
  • Forlani
  • Spadolini
  • Fanfani
  • Craxi
  • Fanfani
  • Goria
  • De Mita
  • Andreotti
  • Amato
  • Ciampi
  • Berlusconi
  • Dini
  • Prodi
  • D’Alema
  • Amato
  • Berlusconi
  • Prodi
  • Berlusconi
  • Monti
  • Letta
  • Renzi

Regno d’Italia Italian Republic

Immagini per bambini

  • Un primo ritratto di Cavour.

  • Ritratto ufficiale di Camillo Benso nel 1852.

  • Cavour come primo ministro (anni 1850).

  • Scrivania di Cavour nel castello di Thorens, Savoia.

  • Garibaldi e Cavour che fanno l’Italia in una vignetta satirica del 1861; lo stivale è un noto riferimento alla forma della penisola italiana.

  • Bancota da dieci pesos, stampato in Uruguay nel 1887, con l’immagine di Benso e Garibaldi.

Lascia un commento