È un morso di ragno Brown Recluse o un cancro della pelle?

Il modo migliore per diagnosticare una strana protuberanza della pelle è spesso quello di decidere cosa non è. Così dicono i ricercatori che hanno ideato un dispositivo mnemonico utile per determinare che la lesione o il nodulo non è un morso di un ragno recluso marrone – una diagnosi che può essere molto comune e molto falsa, dicono.

Circa 40 condizioni sono state o potrebbero essere diagnosticate erroneamente come un morso dal recluso marrone, tra cui la malattia di Lyme, herpes, infezione da stafilococco resistente agli antibiotici, ulcere diabetiche e cancro della pelle. Non vorresti perdere il trattamento per nessuna di queste cose perché il medico ha detto che hai avuto un morso di ragno. E il veleno del recluso marrone può causare gravi ferite o insufficienza renale, quindi non c’è da scherzare.

Il mnemonico NOT RECLUSE potrebbe aiutare a limitare le diagnosi errate e assicurarsi che le persone ricevano il giusto trattamento. Sta per cose che non sarebbero un fattore se un paziente fosse stato morso da un recluso marrone, come numerosi morsi (N), le circostanze in cui la ferita si è verificata (O), o il periodo dell’anno in cui è avvenuta (T). Conta due o più sintomi NON RECLUSE, e la spiegazione marrone recluso dovrebbe essere buttato fuori, i ricercatori suggeriscono nel loro documento JAMA Dermatology.

I morsi del recluso marrone hanno la reputazione di causare pus e carne in decomposizione, così molte persone presumono di essere state morse se hanno una brutta ferita. Ma solo il 10% dei morsi richiede attenzione medica. Nei casi più gravi, la pelle diventa nera e comincia a morire in quella che viene chiamata necrosi cutanea. Se sai di essere stato morso con certezza, il Centers for Disease Control and Prevention raccomanda di cercare immediatamente assistenza medica e di portare il ragno con te per l’identificazione.

La maggior parte delle volte, però, il morso del ragno si presenta come un brufolo o una piccola vescica bianca e guarisce da solo in un mese o due. E i ragni, appena più grandi di un penny, non mordono se non minacciati. Una donna ha addirittura intrappolato più di 2.000 aracnidi in casa sua per un periodo di sei mesi, e nessuno della sua famiglia è mai stato morso.

Molte persone auto-diagnosticano un’altra condizione della pelle come un morso di recluso marrone perché “è una diagnosi sexy”, dice Rick Vetter, un entomologo in pensione della University of California, Riverside, un esperto di recluso marrone e co-autore dello studio. “È come dire che sei stato morso da un serpente a sonagli. È drammatico. Infezioni batteriche? Non così tanto”. Queste auto-diagnosi accadono anche al di fuori della gamma del recluso marrone del sud e degli stati centrali del Midwest negli Stati Uniti

I medici tendono a diagnosticare falsamente i morsi del recluso marrone, dice Vetter, perché “è un capro espiatorio molto comodo. La gente vuole una diagnosi. I medici vogliono dare loro una diagnosi”. Così se i medici non riescono a capire l’identità di un urto ambiguo, saltano al morso di ragno.

Vetter ha lavorato con due dermatologi sul documento; sperano che i medici faranno uso di NOT RECLUSE per garantire che i pazienti ottengano i trattamenti giusti.

“Quando vediamo persone con il cancro o MRSA che ottengono questa falsa diagnosi”, dice Vetter, “si capisce che non si può semplicemente chiamare tutto un morso di recluso”.

Vuoi il mnemonico completo? Ecco a voi. Più di due di questi escluderebbero tipicamente un morso di ragno recluso marrone:

Numeroso: Più di una lesione

Occorrenza: Non in una zona appartata come un box, un armadio o una soffitta

Tempistica: La ferita è sorta tra novembre e marzo

Centro rosso: Il centro della ferita è rosso

Elevated: Il centro della ferita è elevato, non infossato

Cronico: La ferita persiste da più di tre mesi

Grande: La ferita è larga più di 10 centimetri

Ulcera troppo presto: La ferita diventa crostosa entro la prima settimana

Gonfiore: La ferita si gonfia se è sotto il collo

Esudativo: La ferita è “bagnata”, trasuda pus o liquido chiaro

.

Lascia un commento